Ausilio nelle operazioni doganali: Confindustria, ICE , SACE ed Agenzia delle Dogane collaborano per aiutare le PMI nelle attività di dogana

Il sistema economico italiano si basa sull’import-export di materie prime, semi lavorati, prodotti finiti, pertanto abbattere rischi, tempi e costi se si parla di operazioni doganali è rilevante. La cooperazione tra ICE, SACE e Agenzia Dogane ha come obiettivo attività di ausilio per le PMI. Grazie a questa collaborazione si conta che tra circa cinque anni si potranno abbattere controlli doganali fino all’ 80%.

Il progetto delle tre organizzazioni si chiama FAST EXPORT e prevede un piano formativo per ottenere le certificazioni AEO (Authorized Economic Operator) che consentono agevolazioni sulle procedure in dogana e quella AE (Approved Exporter) per godere del “dazio zero” con i Paesi con quali la Ue ha siglato degli accordi commerciali particolari come la Corea del Sud, la Cina e il Giappone.

Questa l’opinione e i commenti del Direttore Generale dell’ICE Roberto Luongo :“Siamo estremamente soddisfatti di poter dare avvio a questo progetto, che ci impegnerà nei prossimi anni come Ente organizzatore dell’intero ciclo di incontri formativi. Questa importante opportunità di sinergia tra ICE Agenzia, Confindustria e Agenzia delle Dogane permetterà alle nostre aziende impegnate nell’export di usufruire di un prodotto di formazione tecnico/specialistica di altissima qualità”.

La realtà secondo il Direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Giuseppe Peleggi: “Le dogane si dimostrano sia come oggetto positivo che negativo al commercio: sono attente a svolgere sia un’efficace azione di controllo al commercio illegale, sia a sostenere gli operatori economici nelle operazioni di import/export con i Paesi terzi”.

E con l’uscita del Regno Unito dall’UE? Cosa accade? Ecco le opinioni e i commenti degli esperti export di EGO International Group, azienda leader per l’internazionalizzazione delle PMI.
“Questo il panorama prospettato: dazi all’importazione, Iva più pesante e soprattutto con pagamento in liquidi alla dogana. La Brexit avrà conseguenze importanti anche sulla fiscalità degli scambi commerciali con i paesi dell’UE, sia sul piano dei  dazi doganali, sia  sui controlli sulle merci le modalità di applicazione dell’Iva all’importazione. I prezzi delle merci e dei prodotti aumenteranno inevitabilmente la libera circolazione delle merci (oltre che dei servizi, dei capitali e delle persone) verrà cancellata.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...